sabato, Maggio 18, 2024
HomeBusinessCosa serve per essere leader

Cosa serve per essere leader

Roger Harrop. A destra: David Smith.

Se cercate su Google “leadership”, i risultati saranno migliaia, ognuno con la propria definizione di leadership.

Ma cosa si intende per leadership? È la capacità di un individuo di influenzare coetanei, colleghi, azionisti e seguaci? È la capacità di guidare le persone – ciascuna con i propri interessi soggettivi – verso un obiettivo collettivo? O il raggiungimento di un risultato?

Il 6 giugno, The Leadership Masterclass cercherà di rispondere a queste domande – e non solo – grazie anche alla partecipazione di esperti di fama mondiale del settore. Qui, il guru della crescita aziendale internazionale Roger Harrop e l’esperto di cambiamento culturale David Smith illustrano il loro punto di vista sulla leadership.

L’eterna domanda sulla leadership è se si tratti di una questione di natura o di educazione. Cosa ne pensate?

Roger Harrop: Ci sono certamente leader naturali che nascono con molte delle capacità e che forse seguiremmo fino in capo al mondo. Ma per il resto di noi è possibile apprendere le capacità e disciplinarsi per usarle: ad esempio, essere umili e lasciare che il proprio team si prenda le vittorie, essere perspicaci nei confronti delle persone e di come si sente ogni singolo membro del team, sviluppare l’abilità di sapere quando è necessario un punto di vista collettivo sulla strada da seguire o quando è necessario “imporre”. I leader migliori hanno team performanti in cui ogni singolo individuo si sente valorizzato e sa esattamente quali sono le competenze – sia soft che hard – che apporta.

David Smith: Non c’è dubbio che alcune personalità si prestano naturalmente alla leadership per il loro stesso carattere, mentre altre non vogliono mai guidare e non dovrebbero farlo. Per molti di coloro che si trovano a ricoprire ruoli di leadership, le competenze e gli strumenti forniti dalla formazione possono sempre migliorare e perfezionare le prestazioni di un leader.

Un leader forte è l’elemento più importante per trasformare un’azienda in un leader di mercato?

RH: Sì, perché spesso c’è bisogno di cambiare radicalmente direzione e di concentrarsi con un raggio laser su questo obiettivo – e, francamente, di non fare prigionieri nel viaggio per raggiungerlo. È il leader che deve avere una visione chiara e semplice dell’obiettivo e deve assicurarsi che ogni decisione strategica sia un passo verso la meta. In generale, non credo nelle organizzazioni o nelle cooperative di proprietà o guidate dai dipendenti proprio per questo motivo: raramente trovano facile prendere decisioni importanti in tempi rapidi quando è necessario.

È necessario sviluppare una cultura che tolleri il fallimento

DS : La leadership è certamente importante. Parlerò ai delegati della conferenza di un caso di studio che ho vissuto personalmente, e discuterò sette principi per costruire una cultura ad alte prestazioni, da un disastro di mercato a un grande successo di mercato. Lo stile di leadership è certamente uno di questi principi importanti.

Quanto è importante per un leader prendersi del tempo per guardare alla propria organizzazione in un contesto più ampio, al di fuori degli eventi quotidiani?

RH: È di vitale importanza che il leader si prenda del tempo per “salire sull’elicottero” e guardare al quadro generale, non solo alla situazione attuale dell’azienda, ma anche alle potenziali minacce e opportunità che potrebbero presentarsi in futuro. Se non lo fa il leader, non lo farà nessun altro. È il vostro lavoro. Nel mio caso, so che la distanza fisica mi aiuta a guardare le immagini più grandi, mentre per altri può essere utile quando si allenano in palestra o forse un approccio più strutturato, come un giorno fuori dall’ufficio senza comunicazioni, appositamente per questo scopo.

DS: Questo è il vero segno distintivo di tutti i grandi leader. Sono esperti dell’ambiente: fanno regolarmente rete, leggono gli sviluppi del business, incontrano altri leader e affinano costantemente il loro “radar” di mercato per non essere mai colti di sorpresa dalle tendenze e dalle nuove idee.

Prima il COVID, poi l’invasione dell’Ucraina e ora la crisi in Medio Oriente: queste crisi creano uno scenario di “sopravvivenza del più adatto” per le aziende?

RH: Non credo che si tratti di una sopravvivenza del più forte, ma che l’unica costante sia il cambiamento. Nessuna organizzazione sopravviverà se ha un atteggiamento “se non è rotto non lo aggiusti”, o se cerca di mantenere lo status quo a tutti i costi. Ogni “situazione” deve essere vista come un’opportunità piuttosto che come una minaccia. Conosco molte aziende, ad esempio, che si sono completamente trasformate in meglio grazie al COVID.

Oggi la tecnologia si muove a una velocità da far strabuzzare gli occhi, e non è solo per gli appassionati di tecnologia come una volta. L’intelligenza artificiale, la stampa 3D, la realtà aumentata, i droni e molto altro ancora sono tutti elementi che ogni azienda dovrebbe osservare per capire cosa potrebbe adattare e adottare a vantaggio dell’impresa. E, tra l’altro, non funzioneranno tutti, quindi è necessario sviluppare una cultura che tolleri i fallimenti.

DS: Viviamo in un mondo VUCA (volatile/imprevedibile/complesso/ambiguo) e i leader sono sempre stati costretti ad affrontare cambiamenti talvolta “strazianti”. Come professionista della gestione del cambiamento, mi aspetto che tutti i grandi leader abbiano la capacità di gestire il cambiamento continuo.

E di fronte a queste crisi – o ai cambiamenti del mercato – un’azienda deve attenersi alla propria strategia con caparbietà o essere agile nel cambiare e adattarsi?

RH : La strategia deve essere costantemente rivista alla luce delle novità e di ciò che si profila all’orizzonte. La cultura dell’azienda deve essere tale da non limitarsi ad accogliere il cambiamento, ma da guardarlo con entusiasmo e aspettativa. Per me gli attributi chiave delle organizzazioni vincenti oggi sono: leadership adattiva (elicottero), team performanti, super agilità e quella che io chiamo una cultura aziendale in cui tutti guardano alle opportunità.

DS : La parola d’ordine per il mondo di oggi è diventata “leadership agile”. I leader devono sapere quando adattarsi ed essere abili nel perseguire i cambiamenti necessari. Credo che i leader abbiano sempre avuto bisogno di questa capacità, ma nell’era della robotica e dell’intelligenza artificiale i cambiamenti sono sempre più veloci. Il cambiamento non rallenterà di certo e i leader devono essere all’avanguardia.

A breve sarà a Malta per la Leadership Masterclass. Quali sono le sue aspettative?

RH: Questa sarà la terza volta che terrò una masterclass a Malta e in entrambe le precedenti occasioni ho apprezzato il fatto di avere tra i partecipanti leader aziendali brillanti e accesi, affamati di imparare e condividere e, semplicemente, con cui è stato un piacere lavorare. Spero che anche questa volta sia così e all’inizio farò loro due promesse: in primo luogo, la garanzia che alla fine della mia sessione avranno a disposizione ulteriori strumenti per migliorare la loro crescita redditizia sostenuta; in secondo luogo, che ci divertiremo un po’, che è un elemento fondamentale per qualsiasi leader.

DS: Mi aspetto di trovare un pubblico di persone desiderose di imparare da altri punti di vista – di rimanere istruite – e che desiderano strumenti semplici da aggiungere alla loro “borsa” e da applicare nei loro contesti aziendali. Non vedo l’ora di partecipare all’evento.

La Leadership Masterclass si terrà il 6 giugno presso il The Notch Conference Centre all’interno dell’Urban Valley Resort and Spa, a Kappara. Per maggiori informazioni visitare il sito .

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE