martedì, Aprile 23, 2024
HomeBusinessBOV ha realizzato un utile ante imposte di 250 milioni di euro...

BOV ha realizzato un utile ante imposte di 250 milioni di euro nel 2023, mentre la banca nota un aumento dei prestiti verdi

Il CEO di BOV Kenneth Farrugia, il CEO Gordon Cordina e il CFO ad interim Kevin Cordina (da sinistra a destra) intervengono mercoledì. Foto: BOV

I cosiddetti “prestiti verdi” costituiscono ormai un terzo di tutti i prestiti personali emessi dalla Bank of Valletta, ha rivelato mercoledì la banca, affermando che si tratta di un fattore chiave per la performance dell’istituto nel 2023.

La banca ha presentato i suoi risultati annuali per il 2023, in cui ha registrato un utile di 251,6 milioni di euro al lordo delle imposte. L’amministratore delegato Kenneth Farrugia ha definito il 2023 “un anno record”, con utili superiori di 100 milioni di euro rispetto all’anno precedente.

Pur riconoscendo che l’aumento dei profitti è in parte dovuto al “vento di coda dei tassi d’interesse”, che sono aumentati in tutta Europa, Farrugia ha attribuito la performance anche alle entrate derivanti dalle linee di credito della banca, con una crescita dei prestiti verdi particolarmente evidente.

La banca offre prestiti per diverse iniziative verdi, dall’acquisto di veicoli elettrici e pannelli fotovoltaici all’installazione di isolanti a risparmio energetico e doppi vetri.

In totale, l’anno scorso sono stati erogati oltre 38 milioni di euro di prestiti verdi, un terzo del portafoglio totale di prestiti personali della banca. Si tratta di un aumento di tre volte rispetto all’11% registrato l’anno precedente.

La banca ha anche registrato un numero maggiore di mutui per la casa, con un aumento di 217 milioni di euro nel 2023, raggiungendo i 2,9 miliardi di euro.

Distribuzione del dividendo agli azionisti

Dopo aver pagato un acconto sul dividendo di 0,0462 euro per azione a dicembre, la banca raccomanderà un dividendo finale lordo di 0,0700 euro per azione alla prossima Assemblea generale.

Ciò significa che gli azionisti di BOV sono pronti a intascare un dividendo lordo totale di 0,1162 euro per azione per l’anno in corso, pari a un esborso di 67,9 milioni di euro da parte della banca. Il dividendo deve essere approvato dalle autorità di regolamentazione prima di essere finalizzato.

La banca ha “risolto le questioni legate all’eredità” per tutto il 2022

Il presidente della BOV, Gordon Cordina, ha dichiarato che i risultati dell’anno dimostrano come la banca sia riuscita a navigare in acque agitate negli ultimi anni nel tentativo di “risolvere diverse questioni pregresse”.

Nel maggio 2022, la BOV ha raggiunto un accordo per il pagamento di ben 182 milioni di euro agli obbligazionisti del gigante navale Deiulemar, che è crollato.

Più di recente, la BOV ha annunciato di essersi assicurata un accordo con Citibank, che le consentirà nuovamente di accedere ai servizi di compensazione in dollari USA dopo che l’ultima banca corrispondente in dollari USA aveva avuto rapporti con la BOV nel 2019.

Accennando alle misure adottate in seguito alla greylisting di Malta da parte del Gruppo di azione finanziaria internazionale (GAFI), Cordina ha dichiarato che la banca è “in una buona posizione, poiché i nostri meccanismi di conformità sono ora in linea con le aspettative normative”.

La banca spinge per un sistema di opt-out delle pensioni private

Alla domanda sull’adesione ai piani pensionistici privati, la banca ha ammesso che si tratta ancora di una “sfida”, con una crescita relativamente lenta.

“In tutto il Paese ci troviamo in una situazione in cui il 90% del patrimonio delle persone è costituito da immobili, il 7% da liquidità e il 3% da investimenti finanziari a lungo termine. Dobbiamo riequilibrare la situazione se vogliamo garantire l’adeguatezza delle pensioni in futuro”, ha dichiarato Cordina.

L’adeguatezza delle pensioni si riferisce al grado in cui la pensione di una persona consente di mantenere un tenore di vita adeguato.

Cordina ritiene che il modo migliore per attuarla sia l’adozione di un sistema di opt-out per i regimi pensionistici privati, rispetto all’attuale approccio opt-in.

In pratica, secondo Cordina, ciò significherebbe che le persone sono automaticamente iscritte a un regime pensionistico privato attraverso il proprio datore di lavoro, con la possibilità di optare per l’esclusione.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – 23 aprile 2024

I giornali di Malta.Di seguito sono riportate le notizie più importanti apparse sui giornali di Malta martedì. IlTimes of Malta riferisce che la polizia che...