Connect with us

Attualità

Malta si esprime sulla guerra in Ucraina. La sua politica estera sta cambiando?

Published

on

Il 24 febbraio 2022, mentre i soldati russi marciavano verso l‘Ucraina, il Primo Ministro Robert Abela affermò che il diritto internazionale “deve essere protetto”, ma affermando che “la pace e la neutralità sono al centro della nostra politica estera“.

Non c’era una tale dichiarazione di non responsabilità quando Ian Borg si rivolse al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite esattamente un anno dopo.

La“brutale guerra ingiustificata e non provocata” della Russia era una “macchia sui principi che siamo tenuti a difendere”, ha dichiarato il ministro degli Esteri alle maggiori potenze mondiali.

Si è trattato di un cambiamento di tono significativo, che secondo Borg è passato in gran parte inosservato.

La nostra politica estera è cambiata molto nell’ultimo anno, forse è cambiata senza che ce ne rendessimo conto
Ian Borg

Il politico originario di Dingli era più abituato a sopportare le critiche degli attivisti ambientali come ministro delle Infrastrutture. Ora, invece, si occupa di Malta.

Ha dovuto imparare in fretta.

Advertisement

Malta è entrata a far parte del Consiglio di Sicurezza come membro non permanente a gennaio e ne ha assunto la presidenza di turno un mese dopo. Coordinare l’agenda dell’organismo multilaterale più potente del mondo è sempre una sfida. Farlo in un momento in cui una potenza mondiale sta conducendo una guerra sul suolo europeo non fa che aumentare la sfida.

Il linguaggio più deciso di Malta è stato ovviamente influenzato anche da informazioni attendibili su civili massacrati, bambini rapiti e scuole e ospedali bombardati in Ucraina.

“Non ci siamo tirati indietro nel parlare. Non abbiamo avuto problemi a dire, chiaro e tondo, che in questa guerra c’è un aggressore e una vittima“, dice Borg.

“Siamo rimasti uniti, come popolo e come parlamento“.

Anche lontano dalle coste locali, i politici maltesi hanno fatto sentire la loro voce. Il presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola, osserva Borg, è stato il primo alto funzionario dell’UE a visitare Kiev dopo l’invasione.

L’Ucraina ha apprezzato gli sforzi di Malta – il ministro degli Esteri del Paese ha elogiato Malta e Borg personalmente per la posizione del Paese – mentre la Russia è stata decisamente meno entusiasta.

Borg dice che è la reazione di Kiev che lo interessa.

Advertisement

“Loro [gli ucraini] sanno che ci siamo impegnati per loro, nei limiti delle nostre capacità”, afferma.

Malta non è certo l’unico Paese ad aver adattato la propria politica estera in risposta all‘aggressione russa: altri due Stati membri dell’UE, Finlandia e Svezia, hanno preso la drammatica decisione di abbandonare del tutto la neutralità per cercare invece di aderire alla NATO.

È stato un cambiamento “dalla sera alla mattina”, riconosce Borg. Nel giro di poche ore, hanno cambiato le posizioni che avevano mantenuto per decenni”.

Malta seguirà la stessa strada? La neutralità del Paese è ora in discussione?

Borg tempera questa ipotesi.

Il popolo maltese, sostiene, trae ancora un senso di sicurezza dalla neutralità e “i legislatori formano sempre le loro posizioni in base ai sentimenti delle persone che rappresentano”.

“La realtà è che la gente si preoccupa soprattutto delle cose che hanno un impatto diretto su di loro”, ritiene il ministro.

Advertisement

Le bombe che cadono sul suolo ucraino non si sentono da Malta, ma i tamburi di guerra potrebbero essere più vicini di quanto molti pensino. La settimana scorsa il capo della marina italiana ha osservato che la crescente presenza navale della Russia nel Mediterraneo sta aumentando le tensioni nella regione.

“Quello che ha detto non è una sorpresa, né è sbagliato. Ma, a Malta, c’è un senso di ottimismo sul fatto che le cose siano lontane [da noi]”, dice Borg.

“Penso che siamo parte di un mondo più ampio. E il valore di presiedere il Consiglio di Sicurezza è che ci permette di lavorare a stretto contatto con Paesi più grandi che hanno più informazioni da condividere con noi”.

Tuttavia, le circostanze potrebbero costringere Malta a cambiare le sue posizioni in politica estera. È un’eventualità che Borg non può escludere.

“Se cambieremo, spero che sia perché abbiamo deciso di farlo come popolo. Non perché la tensione sta aumentando”.

Nel frattempo, Malta continua a tenere incontri informali con gli altri due Stati membri neutrali dell’UE, l’Austria e l’Irlanda, per confrontarsi e discutere le loro posizioni in politica estera, afferma Borg.

Il ministro respinge qualsiasi suggerimento di consentire all’UE di approvare misure di sanzione senza richiedere l’unanimità degli Stati membri.

Advertisement

Sostiene inoltre che quando Malta si è opposta ai piani di sanzioni dell’UE lo ha fatto per una buona ragione.

Il ministro cita come esempio l’opposizione maltese a un piano per vietare alle navi battenti bandiera UE di trasportare petrolio russo.

Tutto ciò, sostiene, spinge le navi a battere nuovamente bandiera di uno Stato non appartenente all’UE.

“300 navi abbandonano la loro registrazione a Malta e passano a una bandiera panamense. Che cosa fate allora? Nel momento in cui una nave esce dal vostro registro, non avete più alcuna influenza su di essa”.

Secondo il ministro, la soluzione è imporre controlli a livello mondiale che si applichino anche agli Stati di bandiera non UE.

Per quanto riguarda l’eventualità che la leadership russa debba essere sottoposta alla giustizia di un tribunale speciale di guerra o della Corte penale internazionale dell’Aia, Borg è sostanzialmente indifferente.

“È una questione legalistica”, dice.

Advertisement

“Ciò che è chiaro è che non ci si può svegliare una mattina e decidere di attaccare il proprio vicino. Abbiamo dispute territoriali di lunga data con l’Italia e la Libia sui confini marittimi. Tuttavia, nessuno di noi decide di iniziare a uccidere la gente.

“Le persone sono costrette a comparire davanti a un tribunale per piccole infrazioni al codice della strada. Come è possibile che chi uccide migliaia di persone non debba affrontare la giustizia?

“Chi commette queste atrocità deve affrontare la giustizia”.