giovedì, Novembre 30, 2023
HomeWorldForti inondazioni da acqua piovana nel nord della Francia

Forti inondazioni da acqua piovana nel nord della Francia

Circa 250 comuni nel nord della Francia saranno dichiarati in stato di calamità naturale a causa di massicce inondazioni, ha detto il Presidente Emmanuel Macron martedì, mentre visitava le aree colpite temendo un ulteriore innalzamento del livello dell’acqua.

Le comunità dei dipartimenti Pas-de-Calais e Nord hanno subito giorni di forti piogge, fiumi che hanno rotto gli argini e inondazioni, e l’acqua potrebbe salire ulteriormente nei prossimi giorni, prima ancora che alcuni residenti siano rientrati nelle loro case.

“Ogni comune che lo ha richiesto” sarà dichiarato in stato di calamità, ha detto Macron, per un totale di 214 nel dipartimento Pas-de-Calais e circa 30 nel Nord.

Ha aggiunto che il Governo garantirà l’accesso a un “fondo di sostegno” di 50 milioni di euro (54 milioni di dollari) per le città e i villaggi colpiti.

La regione ha subito in rapida successione gli effetti della tempesta Ciaran il 2 novembre, livelli d’acqua record nei fiumi il 7 novembre e forti piogge giovedì e venerdì.

Martedì, l’autorità meteorologica Meteo France ha posto il Pas-de-Calais in allerta arancione – la seconda più alta – per forti piogge e inondazioni, mentre tutti e sette i fiumi del dipartimento sono allo stesso livello di allerta.

Le scuole sono state chiuse in 279 comuni per il secondo giorno consecutivo.

“Le persone sono molto preoccupate, sconvolte, sono al limite”, ha detto Jean-Christophe Castelain, vicesindaco di Blendecques, una piccola città a sud di Calais dove Macron dovrebbe visitare martedì.

“Circa 50 persone stavano ancora dormendo nel nostro spazio di accoglienza” durante la notte, dopo che 862 case sono state colpite dalle inondazioni, ha aggiunto, con “nessuna buona notizia prevista per i prossimi giorni”.

“È positivo che il signor Macron stia facendo un viaggio per venire a vedere cosa sta succedendo. Ma bisogna fare qualcosa”, ha detto Corinne Baroux, residente della zona, che si è offerta volontaria per aiutare gli sfollati che si rifugiano in una palestra locale.

Fabienne Berquier, presidente della Croce Rossa nel Pas-de-Calais, ha detto che il gruppo di aiuto stava “allestendo nuovamente dei rifugi” intorno alla vicina città di Saint-Omer.

Nel frattempo, il dipartimento Nord ha registrato 10.000 casi di danni da inondazione e 1.391 evacuazioni dal 6 novembre.

Il gruppo di aiuto alimentare Les Restos du Coeur ha lanciato un appello “urgente” per le donazioni di cibo e per i volontari che distribuiranno vestiti, coperte e altre forniture.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Borg chiede di rivitalizzare l’OSCE, mentre Malta si prepara ad assumerne la presidenza

Il Ministro degli Esteri Ian Borg ha invitato giovedì gli Stati membri dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) a rivitalizzare...