Connect with us

Malta

La proposta di un condominio minaccia di mettere in ombra la cappella di Manikata

Published

on

La nuova richiesta manterrà la facciata dell’edificio e prevede la costruzione di un garage al piano terra, una maisonette, sei appartamenti e due attici sovrastanti. Foto: Ivan Castillo

La storica cappella Manikata, che nel 2022 era oscurata da un condominio di quattro piani, potrebbe essere oscurata da un altro condominio sul lato opposto.

Nel 2022, le immagini di un condominio di nuova costruzione costruito fianco a fianco con la cappella ultracentenaria

Una nuova domanda propone di ampliare l’edificio adiacente alla cappella di altri quattro piani, includendo garage, una maisonette, sei appartamenti e due attici.

Plans for the application. Credit: Planning AuthorityPiani della richiesta. Crediti: Autorità di pianificazione

La domanda è stata presentata da Alex Tanti ed è in attesa di una decisione.

Martedì il deputato del PN Ivan Castillo ha lanciato l’allarme su Facebook, affermando che la vecchia cappella sarà “inghiottita” da due strutture gigantesche.

Advertisement

“Il governo non ha imparato dall’indignazione pubblica dell’agosto 2022”, ha detto Castillo.

“Questa chiesa è stata appena restaurata e quello che sta per accadere sarà l’equivalente dell’abbattimento”.

Castillo ha detto che intende presentare una petizione parlamentare per “fermare questa follia”.

La piccola cappella fu costruita nel 1920, quando a Manikata vivevano solo 12 famiglie.

È stata chiusa nel 1975 e una cappella più grande, costruita dall’architetto Richard England, è stata utilizzata per ospitare la popolazione in crescita.

Nel 2019, il governo ha annunciato un progetto per la cappella, un anno dopo che l’Autorità di pianificazione aveva dato il via libera alla costruzione di 18 unità residenziali, 20 garage e un ufficio proprio accanto ad essa.

Advertisement

All’epoca, sia la Curia che la Sovrintendenza ai Beni Culturali si erano opposte a questo sviluppo “massiccio”.

Tuttavia, in seguito la Curia ha abbandonato le sue obiezioni allo sviluppo dopo aver raggiunto un’”intesa” con il costruttore.

Ciò non ha impedito di annunciare il suo disappunto per lo sviluppo.

Continue Reading