Connect with us

Malta

la polizia denuncerà il padrone di casa che ha minacciato l’inquilino di morte: il sindacato

Published

on

Il sindacato Solidarjetà ha chiesto a Paul Cachia e Ivan Bulkadov di ripristinare l’acqua e l’elettricità nell’appartamento di Vukoje durante una manifestazione di solidarietà il mese scorso. Foto: Chris Sant Fournier.

La polizia sta sporgendo denuncia contro un padrone di casa che ha minacciato di uccidere uno dei suoi inquilini prima di chiudergli la fornitura di acqua ed elettricità, ha dichiarato lunedì un sindacato.

La fornitura di acqua ed elettricità di Aleksandar Vukoje è stata ripristinata, ha dichiarato Solidarjetà in un comunicato. Il caso dovrebbe essere discusso in tribunale a settembre.

Contattato, Vukoje ha dichiarato di ritenere che le cose stiano “andando nella giusta direzione” e di sperare in una risoluzione il prima possibile.

Il mese scorso, Vukoje è stato costretto a lasciare la proprietà dopo che il suo padrone di casa è entrato e ha minacciato di “tagliarti la gola” in una disputa su un contratto d’affitto, prima di tagliargli l’acqua e l’elettricità pochi giorni dopo.

L’uomo ha dichiarato che la situazione si è aggravata quando l’agente di polizia in servizio presso la stazione di polizia di St Julian ha trascurato di sporgere denuncia, costringendolo a tornare qualche giorno dopo per denunciare l’accaduto a un altro agente.

Advertisement

Lo scioccante incidente ha suscitato la solidarietà di Solidarjetà, che sta assistendo il 37enne cittadino serbo e si è impegnata a coprire le sue spese legali.

Lunedì il sindacato ha dichiarato che il ripristino delle utenze nell’appartamento di Vukoje è stato possibile solo “grazie alla solidarietà dimostrata dal pubblico e dai membri del sindacato”.

Il sindacato ha affermato che l’incidente che ha coinvolto il padrone di casa e la successiva interruzione delle utenze ha dimostrato quanto sia “precaria la vita degli inquilini a Malta… con lo Stato incapace o non disposto a intervenire”.

Ha chiesto che la legge venga cambiata per consentire agli inquilini di ripristinare l’accesso alle utenze “senza ripercussioni legali”.

Vukoje ha dichiarato a Times of Malta che la sua fornitura di acqua ed elettricità è stata ripristinata venerdì: “È una sensazione incredibile, non riesco a descriverla; dopo due settimane posso finalmente vivere di nuovo una vita normale”.

Alla domanda se avesse ancora intenzione di rimanere nell’appartamento con il processo che incombe, ha ribadito la sua intenzione di rimanere fino alla fine del suo contratto, rinnovato automaticamente all’inizio di quest’anno. Ma ha ammesso di non sentirsi ancora del tutto a suo agio a casa.

“È una sensazione diversa, la preoccupazione è ancora presente… non è più come prima”, ha detto.

Advertisement

Le domande inviate alla polizia due settimane fa sono rimaste senza risposta al momento in cui scriviamo.

Continue Reading