Connect with us

Malta

Guarda: “Il cambiamento è doloroso, dobbiamo distruggere posti di lavoro, ma c’è speranza”

Published

on

Joe Farrugia: “Abbiamo sempre sostenuto la necessità di un settore pubblico più snello e meglio retribuito”. Foto: Karl Andrew Micallef

Il capo uscente dell’Associazione dei datori di lavoro di Malta L’economia maltese ha bisogno di una trasformazione critica e di “distruzione di posti di lavoro”.

MX: Ritiene che l’economia sia in buona forma?

JF: Gli indicatori macroeconomici generali sono positivi. Abbiamo un basso tasso di disoccupazione e l’inflazione è più o meno sotto controllo. Il debito pubblico è aumentato di circa 10 miliardi di euro, ma è ancora sotto la soglia del 60% prevista dai criteri di Maastricht. Dobbiamo anche affrontare la procedura per deficit eccessivo. Nonostante questi problemi, gli indicatori macroeconomici generali non destano alcuna preoccupazione.

Ma ci sono problemi di sostenibilità. Per quanto tempo possiamo sostenere queste tendenze? Stiamo attirando nuovi settori nella nostra economia? Credo che ci sia un senso di stagnazione su questo fronte. Fino a che punto Malta può rimanere competitiva? Come si sincronizza la sostenibilità economica con il benessere della popolazione? Perché, dopo tutto, lo scopo di avere un’economia migliore è che le persone abbiano una migliore qualità di vita, sia materialmente che secondo altri parametri, come quelli ambientali.

MX: Il Ministro delle Finanze Clyde Caruana ha detto che Malta deve passare da un’economia “ad alta intensità di lavoro a un’economia ad alta intensità di capitale, che produca più valore aggiunto”? I tempi sono maturi per un nuovo modello economico?

Advertisement

JF: Sono d’accordo. Al cento per cento. Il problema è che si tratta di un’operazione attesa da tempo. Anche il MEA ha espresso la necessità che l’economia si trasformi in questa direzione.

MX: In quale direzione?

JF: Nel 2017 abbiamo pubblicato un documento sulle sfide demografiche di Malta. Stavamo assistendo a tendenze preoccupanti per cui la crescita della nostra economia stava diventando dipendente dall’afflusso di lavoratori stranieri e da un maggior numero di persone che vivevano sull’isola, aumentando così la nostra dipendenza dall’edilizia e dai servizi correlati per la crescita economica. Allo stesso tempo, non c’era una strategia concomitante per sostenere l’aumento della popolazione con una base infrastrutturale di supporto. Oggi abbiamo più di 100.000 persone non maltesi ufficialmente registrate come lavoratori, una percentuale significativa della forza lavoro totale.

MX: Lei sta facendo un ragionamento sulla sovrappopolazione, ma nel 2017 ha parlato a gran voce della necessità che il governo si occupi dell’eccessiva burocrazia quando si tratta di datori di lavoro che vogliono assumere cittadini di Paesi terzi. Non crede che le sue due argomentazioni siano in contraddizione?

JF: Non sono in contraddizione. Stiamo dicendo che la burocrazia per l’assunzione di cittadini di Paesi terzi dovrebbe essere ridotta, per consentire un processo più semplice. Ma questo non significa che dovremmo aprire le porte a chiunque voglia venire a lavorare qui, o che dovremmo progettare l’economia in modo da dipendere dall’afflusso di lavoratori stranieri. Ciò che è contraddittorio, in realtà, è cercare di controllare l’offerta con un processo eccessivamente burocratico in concomitanza con una crescente domanda di lavoratori. Ecco perché bisogna cercare un equilibrio.

MX: È stato raggiunto o no?

JF: Non ancora. Anzi, mi sembra che oggi dipendiamo ancora di più dalla manodopera straniera e questo, ovviamente, sta trasformando l’intera struttura demografica del nostro Paese. Su 4.000 nati vivi a Malta, quasi il 25% non nasce in famiglie maltesi. In altre parole, a Malta abbiamo un basso tasso di fertilità.

Advertisement

MX: I datori di lavoro sono davvero pronti al cambiamento o sono riluttanti ad abbandonare un modello che si basa sui lavoratori stranieri?

JF: Il cambiamento può essere doloroso, ma i datori di lavoro seguono la strategia del governo. Il ruolo del governo non è quello di gestire l’economia in prima persona, ma di progettare una strategia, di avere una visione per l’economia, che a sua volta crea opportunità di investimento e di occupazione.

<div id="video-awmiISHa" class="jwplayer-custom-embed" data-vast-tag-url="https://securepubads.g.doubleclick.net/gampad/ads?correlator=[timestamp]VideoPreroll&description_url=[description_url]&env=vp&gdfp_req=1&iu=/65246246/VideoPreroll&output=vast&sz=620×348&unviewed_position_start=1&url=[url]” data-id=”awmiISHa” data-keywords=”national”>

Guarda l’intervista completa a Joe Farrugia. Video: Karl Andrew Micallef

MX: Secondo lei, cosa impedisce al governo di attuare un modello economico diverso?

JF: Credo che il governo abbia giocato sul sicuro. Ha una strategia semplice ma non dichiarata. Perché non ci siamo mai imbattuti in una promessa elettorale o in un piano economico che affermasse che avremmo pompato e alimentato l’economia attraverso un’edilizia eccessiva e che, grazie ad essa, avremmo attirato più stranieri sull’isola, generando di conseguenza una domanda aggregata e l’economia si sarebbe espansa.

D’altro canto, però, i datori di lavoro si sono accorti dei segni dei tempi e così, invece di spostare i loro investimenti verso nuovi settori economici, molti investitori hanno giocato d’anticipo e hanno detto che se c’è un rendimento garantito dalla costruzione di palazzine, così sia. Se la costruzione di un maggior numero di alberghi nel settore del turismo garantisce un maggior rendimento, ben venga.

Ma questa incongruenza tra la visione delle imprese e la visione nazionale si sta accentuando.

Advertisement

Ad esempio, lo studio dell’MHRA ha stabilito che per rendere economicamente redditizio il parco letti alberghiero attuale e previsto, abbiamo bisogno di cinque milioni di turisti all’anno, il che è assurdo se ci si pensa. Immaginate l’impatto sulle infrastrutture. Quindi, potremmo avere un anno con cinque milioni di turisti, ma l’anno successivo la cifra scenderà a uno, perché molti non torneranno. Saranno delusi e diranno che Malta non è un Paese che vale la pena visitare e che ci sono destinazioni migliori. Ecco perché la pianificazione e la visione sono essenziali. E queste sono cose che sono state sollevate più volte al Consiglio per lo Sviluppo Economico e Sociale di Malta (MCESD).

MX: Come descriverebbe l’atmosfera al tavolo del MCESD?

JF: Direi che Malta ha una struttura molto solida per il dialogo sociale. Abbiamo relazioni industriali sane. Anche le relazioni del MEA con i sindacati sono molto positive e il MCESD, da quando è stato fondato, ha funzionato ragionevolmente bene. Il MCESD non ha poteri esecutivi. Può solo dare suggerimenti al governo.

In passato ci sono stati numerosi suggerimenti e dibattiti, ma non tutte le proposte sono state accolte, e questo a volte crea un senso di frustrazione, perché potrebbero esserci questioni scottanti.

MX: Ritiene che l’edilizia abbia un ruolo così importante nell’economia, come alcuni hanno sostenuto nell’ultimo decennio?

JF: Innanzitutto, ci sono lobby estremiste che vogliono eliminare l’edilizia. L’edilizia è e rimarrà un settore importante dell’economia. Tuttavia, credo che il problema principale sia il fatto che i terreni scarseggiano e stanno diventando sempre più scarsi. In secondo luogo, tra gli anni ’70 e ’90 la maggior parte dell’attività edilizia era orientata a fornire case alle persone, ma oggi non è più così. Non stiamo costruendo case. Stiamo costruendo blocchi di appartamenti per vari scopi, tra cui quello speculativo.

Gran parte dell’attività edilizia odierna è orientata alla realizzazione di una seconda proprietà o al fatto che per alcuni anni i tassi di interesse sono stati molto bassi e la gente ha pensato che si potesse ottenere un rendimento migliore investendo i propri soldi in risparmi, in immobili, piuttosto che tenerli in banca, guadagnando un tasso di rendimento minimo, se non nullo.

Advertisement

Pertanto, abbiamo un’ampia disponibilità di immobili che non sono necessari, e questo è pericoloso, perché alla fine potrebbe portare a un calo dei prezzi degli immobili. E le principali vittime dei prezzi degli immobili sarebbero quelle famiglie che hanno mutui su immobili che hanno acquistato a un prezzo relativamente alto e il valore del patrimonio netto di quell’immobile si ridurrà, e dovranno comunque pagare i prestiti.

<div id="video-MVnB45J1" class="jwplayer-custom-embed" data-vast-tag-url="https://securepubads.g.doubleclick.net/gampad/ads?correlator=[timestamp]VideoPreroll&description_url=[description_url]&env=vp&gdfp_req=1&iu=/65246246/VideoPreroll&output=vast&sz=620×348&unviewed_position_start=1&url=[url]” data-id=”MVnB45J1″ data-keywords=”national”>

Joe Farrugia sulla strategia economica “non dichiarata” del governo. Video: Karl Andrew Micallef

MX: Siamo diventati troppo dipendenti dall’edilizia?

JF: Sì, attualmente credo che si stia raggiungendo… non un livello di crisi… ma c’è troppa enfasi sulla costruzione e sulla contemporanea crescita della popolazione per riempire gli edifici che stiamo costruendo. Credo che il nostro modello economico abbia bisogno di una trasformazione critica.

MX: L’anno scorso, poco prima del bilancio, il governo ha introdotto il programma Stabbiltà. Ha avuto l’impatto sperato dal governo?

JF: Ne dubito fortemente. Sono anche critico sul modo in cui è stato introdotto, perché credo che i principali stakeholder, le parti sociali, non siano stati coinvolti affatto. Il governo si è rivolto ai singoli rivenditori e ha trovato un accordo con i principali. Penso che sarebbe stato meglio se il governo si fosse rivolto alle parti sociali e noi avessimo avanzato i nostri suggerimenti, soprattutto quelli specializzati in questo settore.

D’altronde, se l’inflazione è in calo, è in calo perché anche a livello internazionale l’inflazione sta scendendo. Il nostro problema era soprattutto l’inflazione elevata nel settore immobiliare e in quello alimentare.

Advertisement

MX: Che impatto ha avuto l’aumento del COLA sui datori di lavoro?

JF: Malta è una delle pochissime economie ad avere un meccanismo di questo tipo, che significa che i salari aumentano automaticamente in base al tasso di inflazione. Quando questo porta a un aumento dei salari di 30 euro a settimana, che è piuttosto elevato, genera di per sé un’ulteriore inflazione.

MX: E lei ha chiesto che questo cambiasse….

JF: Idealmente, in linea di principio, i salari dovrebbero essere una misura della produttività. Pertanto, a livello nazionale, possiamo aumentare i salari solo se siamo più produttivi, il che si ricollega a ciò che lei ha menzionato prima sulla trasformazione dell’economia verso attività a più alto valore aggiunto. Come ha detto il ministro la scorsa settimana, se continuiamo a dipendere da settori a basso valore aggiunto, non possiamo aspettarci un aumento dei salari.

MX: Il Corporate Times ha riportato un aumento del 26,9% dell’occupazione nel settore pubblico negli ultimi 11 anni. È preoccupato?

JF: Molto. E credo che il MEA si sia pronunciato su questo tema già da un po’, anche sotto la precedente amministrazione.

<div id="video-Hab4gu9K" class="jwplayer-custom-embed" data-vast-tag-url="https://securepubads.g.doubleclick.net/gampad/ads?correlator=[timestamp]VideoPreroll&description_url=[description_url]&env=vp&gdfp_req=1&iu=/65246246/VideoPreroll&output=vast&sz=620×348&unviewed_position_start=1&url=[url]” data-id=”Hab4gu9K” data-keywords=”national”>

Joe Farrugia chiede la “distruzione dei posti di lavoro”. Video: Karl Andrew Micallef

Advertisement

MX: Ma riconosce il fatto che nell’ultimo decennio i dipendenti del settore pubblico sono diminuiti in proporzione alla forza lavoro a tempo pieno… dal 26,4% al 18,3%?

JF: Sì, ma non necessariamente. Innanzitutto, nel settore pubblico ci sono migliaia di dipendenti esternalizzati, e questo va tenuto in considerazione. L’aumento della forza lavoro che lei ha citato è dovuto soprattutto ai lavoratori stranieri. Quindi, anche se la forza lavoro si sta espandendo, l’espansione è dovuta principalmente ai dipendenti stranieri, il che significa che la percentuale di lavoratori maltesi nel settore pubblico è aumentata, e questo è ciò che dovremmo considerare. Questo ha generato una carenza di dipendenti maltesi. E voglio essere molto chiaro… la maggior parte dei datori di lavoro maltesi preferisce assumere dipendenti maltesi.

Quindi, non è vero che in generale i datori di lavoro cercano di ridurre i salari e di pagare salari bassi assumendo cittadini di Paesi terzi. Il costo dell’occupazione, il fatto che il turnover tra i sessantenni è molto elevato, il costo della formazione e altri costi devono essere presi in considerazione, ed è per questo che ripeto che molti datori di lavoro preferiscono i dipendenti maltesi a quelli stranieri.

Credo che sia necessario razionalizzare la forza lavoro maltese. E per razionalizzare intendo dire che, laddove necessario, occorre anche distruggere posti di lavoro.

MX: Distruzione di posti di lavoro? Che cosa significa?

JF: Distruzione di posti di lavoro significa creare nuovi posti di lavoro con un valore aggiunto più elevato a scapito di alcuni lavori di cui non abbiamo più bisogno. E le persone devono spostarsi da queste aree verso nuovi settori emergenti dell’economia. Questa razionalizzazione potrebbe avvenire, in una certa misura, nel settore privato. Prendiamo ad esempio le banche. Nelle banche non ci sono più i cassieri di una volta. Perché? Perché il processo viene automatizzato.

Anche nei supermercati c’è l’automazione – le casse automatiche – e questo ridurrà la richiesta di cassieri al supermercato. È questa la strada che dobbiamo seguire, perché non è solo la nostra terra a essere limitata, ma anche le nostre risorse umane. Nel settore pubblico, poi, la situazione è ancora peggiore, con tutte le storie sui posti di lavoro in cambio di voti, sui posti di lavoro fantasma e sulle inefficienze generali.

Advertisement

MX: La Commissione europea ha chiesto al governo di smettere di sovvenzionare le tariffe energetiche. Sembra che il governo e l’opposizione siano d’accordo sul fatto che i sussidi debbano rimanere. È d’accordo?

JF: Una delle cose buone fatte dal governo è stata quella di cercare di attutire l’impatto sulle imprese private per tenere a galla l’economia. E credo che in passato i governi abbiano avuto successo in questo senso, perché anche se si guarda alla crisi finanziaria del 2008, quando c’è stata la crisi libica, quando c’è stata la pandemia, il governo è riuscito ad attutire l’impatto di questa crisi e a mantenere le persone nel mondo del lavoro. E una delle misure è stata quella di sovvenzionare l’energia, anche perché i prezzi dell’energia sono saliti vertiginosamente.

Ora siamo in una fase in cui i prezzi dell’energia sono in calo e l’Unione Europea ci chiede di interrompere i sussidi.

Non mi spingerei a dire, o a impegnarmi come governo, che “sono qui per restare”: lo saranno per due anni, quattro anni, 20 anni, 50 anni? Non ci si può impegnare a dirlo. Dal punto di vista dell’industria privata, è meglio che rimangano, ma come Paese, se vogliamo avere una situazione fiscale sostenibile, non si possono prendere impegni di questo tipo. E purtroppo, a causa della situazione politica, entrambi i partiti sarebbero d’accordo su certe misure, non perché siano buone in sé, ma perché rischiano di perdere consensi se prendono la posizione richiesta.

MX: Come può il governo affrontare il deficit e il debito pubblico? Il governo dovrebbe ridurre la spesa? E in quali settori?

JF: Abbiamo parlato dell’eccesso di occupazione nel settore pubblico. Questo è un settore in cui il governo può ridurre la spesa. Abbiamo sempre sostenuto la necessità di un settore pubblico più snello e meglio retribuito. Ma non si può avere così tante persone nel settore pubblico e aspettarsi anche migliori condizioni di lavoro, perché questo paralizzerebbe le finanze. Inoltre, ritengo che altri settori in cui la spesa può essere razionalizzata siano quelli in cui le spese infrastrutturali vengono finanziate meglio.

Malta ha la più alta spesa pro capite per l’istruzione. Ma abbiamo i risultati? Credo che i risultati siano piuttosto deludenti, perché pensiamo alla quantità di laureati e di persone che si laureano al MCAST, ma non pensiamo sufficientemente alla qualità e al mantenimento degli standard critici per la nostra economia.

Advertisement

<div id="video-R7WnMHzs" class="jwplayer-custom-embed" data-vast-tag-url="https://securepubads.g.doubleclick.net/gampad/ads?correlator=[timestamp]VideoPreroll&description_url=[description_url]&env=vp&gdfp_req=1&iu=/65246246/VideoPreroll&output=vast&sz=620×348&unviewed_position_start=1&url=[url]” data-id=”R7WnMHzs” data-keywords=”national”>

Joe Farrugia sulla mancanza di una buona governance. Video: Karl Andrew Micallef

MX: Quello di cui abbiamo discusso nell’ultima mezz’ora si riduce francamente al buon governo del Paese. Qual è la sua opinione in merito?

JF: Penso che sia questo il punto in cui abbiamo il deficit maggiore. Abbiamo un deficit di governance molto grave e in peggioramento. Il fatto che leggendo i giornali ci si imbatta ogni giorno in un nuovo scandalo è semplicemente insostenibile. Sta danneggiando la nostra reputazione come destinazione di investimento e Malta ha molto da offrire. Ma purtroppo la nostra reputazione peggiora di minuto in minuto.

Lo scandalo Vitals-Steward… immaginate… io stesso all’inizio non riuscivo a crederci. 400 milioni di euro di fondi pubblici spariti nel nulla. Pensateci. Non è solo una questione di corruzione. Anche se non c’è stata corruzione, supponiamo che tutti siano puliti e che non ci sia stata corruzione. Ma diciamo che c’è stata una grave incompetenza per diversi anni, il che ovviamente porta a sospettare cosa ci sia dietro. Ma questo è un caso a parte.

Guardate lo scandalo dei sussidi sociali. Che messaggio dà alla popolazione attiva? Ogni mattina vi svegliate e andate a lavorare. E nel settore privato, se non si lavora in modo produttivo, si rischia di perdere il lavoro. Deve esserci una domanda per i servizi che offrite affinché l’azienda rimanga a galla, perché anche voi potreste essere licenziati.

D’altro canto, però, si sente parlare di molti individui che si godono la vita perché ricevono i fondi della previdenza sociale senza lavorare. Che effetto ha questo sull’etica del lavoro? Come influisce sui valori della nostra giovane generazione? Non c’è da stupirsi se la nostra generazione di giovani è disincantata, indifferente e cerca di lavorare per cercare una vita migliore all’estero anche a causa del deterioramento dell’ambiente naturale.

Quindi, cosa possiamo fare per inviare un messaggio anche ai nostri giovani… “Ascolta, questo Paese è tuo. Non rinunciarvi. C’è molto da fare qui. Qui puoi avere una buona qualità di vita. Potete avere successo per merito”.

Advertisement

È davvero così a Malta in questo momento? Possiamo dire onestamente che le persone hanno successo per merito?

L’intervista è stata modificata per brevità e chiarezza.

Continue Reading