Connect with us

Malta

Guarda: I registi prendono in giro le commissioni cinematografiche che spendono molto con una satira da 150 euro

Published

on

Immagini del film Day of the Pay di Maxime Durand.

Settimane prima che il commissario per il cinema di Malta spendesse “almeno” 500.000 euro per un cortometraggio promozionale, alcuni dei migliori talenti della recitazione maltese hanno messo insieme un trailer satirico da blockbuster.

Il regista della satira dice di averlo fatto con un budget di soli 150 euro.

Il contrasto tra le due produzioni è reso ancora più evidente dalla trama della produzione, che si concentra sulla mancanza di fondi e di attenzione per i registi locali.

Venerdì scorso, Times of Malta ha riportato la notizia di un lungometraggio di 10 minuti con David Walliams e il commissario per il cinema Johann Grech. Alcune fonti hanno affermato che la cifra spesa per la produzione era “molto più alta”.

Grech non ha voluto confermare quanto sia costato il cortometraggio, ma ha detto che potrebbe avere “lo stesso impatto di Game of Thrones o The Crown“.

Advertisement

Il cortometraggio, presentato in anteprima al Mediterrane Film Festival della scorsa settimana, rimane segreto e non è stato trasmesso pubblicamente.

È l’ultimo di una serie di rapporti sulle spese elevate della commissione cinematografica di Grech, con i produttori locali che sottolineano come i contribuenti abbiano speso quasi tutto per due festival cinematografici, mentre sono pochi i fondi disponibili per le produzioni locali.

La Film Commission afferma che il finanziamento locale è di competenza dell’Arts Council Malta e che i suoi festival ad alto costo sono essenziali per attrarre investimenti cinematografici stranieri nel Paese.

Ma le tensioni tra le autorità e il settore cinematografico endemico di Malta rimangono. Così un regista locale ha prodotto il trailer di un falso blockbuster, sottolineando il trattamento riservato agli artisti locali da parte dell’amministrazione.

Maxime Durand ha reclutato amici attori, molti dei quali hanno successo a Malta e all’estero, per girare Day of the Pay.

Ambientato in un mondo in cui gli artisti non sono pagati abbastanza o non sono puntuali, la trama ruota attorno a due reporter che intraprendono un’intensa indagine su una serie di omicidi nell’amministrazione.

Advertisement

Il trailer satirico di cinque minuti, che termina con la frase “nei cinema vicino a voi… se ci fossero i fondi per farlo”, cerca di far capire che il settore cinematografico maltese è in grado di creare lungometraggi completi, se fossero disponibili finanziamenti adeguati per i talenti locali.

Durand ha detto che ci sono volute tre settimane per produrre il film, dalla stesura della sceneggiatura al montaggio finale. Le persone coinvolte hanno partecipato senza essere pagate e le riprese si sono svolte in 11 giorni diversi (non interi).

In totale, Durand stima che l’intera produzione sia costata 150 euro – appena lo 0,03% del presunto budget di 500.000 euro del cortometraggio di 10 minuti Mediterrane.

Still from Day of the Pay by Maxime Durand.

Fotogramma di Day of the Pay di Maxime Durand.

Still from Day of the Pay by Maxime Durand.

Ancora da Day of the Pay di Maxime Durand.

Still from Day of the Pay by Maxime Durand.

Ancora da Day of the Pay di Maxime Durand.

Still from Day of the Pay by Maxime Durand.

Ancora da Day of the Pay di Maxime Durand.

Advertisement

Durand ha dichiarato a Times of Malta che personalmente non chiede fondi per i suoi progetti.

L’ispirazione per il trailer è venuta dopo anni di lavoro nell’industria cinematografica locale e di servizio e dopo aver osservato i colleghi creativi maltesi sentirsi disperatamente frustrati quando milioni di euro vengono spesi arbitrariamente senza alcuna consultazione.

Il “trailer” era inizialmente previsto per un concorso di pesce d’aprile, ma Durand non è riuscito a rispettare la scadenza. Il trailer è stato pubblicato sulle piattaforme dei social media a maggio, ma ha attirato nuova attenzione questa settimana, in seguito alle notizie sul Mediterrane Film Festival.

oltre a trasmettere un messaggio al pubblico con l’aiuto della satira, spero che il “trailer” mostri il potenziale degli attori locali”, ha detto Durand.

“Spesso vengono sminuiti e non valorizzati, e ricevono piccoli ruoli in produzioni straniere che non valgono lo sforzo da parte loro. C’è anche un’idea sbagliata a livello nazionale, secondo la quale il talento locale è limitato al genere delle soap e dei film drammatici, e ai creativi non viene data l’opportunità di sperimentare generi diversi”

Still from Day of the Pay by Maxime Durand.

Ancora da Day of the Pay di Maxime Durand.

Still from Day of the Pay by Maxime Durand.

Ancora da Day of the Pay di Maxime Durand.

Advertisement
Still from Day of the Pay by Maxime Durand.

Ancora da Day of the Pay di Maxime Durand.

Still from Day of the Pay by Maxime Durand.

Ancora da Day of the Pay di Maxime Durand.

Il “trailer” è stato scritto, diretto e montato da Maxime Durand e coprodotto da Simone Spiteri. È interpretato da molti dei principali attori maltesi. Tutta la post-produzione, gli effetti speciali, la guida dello schermo e le riprese sono state effettuate da professionisti locali.

Continue Reading