Connect with us

Business

Finanziamenti verdi: la strada da percorrere

Published

on

Il finanziamento verde si occupa più direttamente di fornire sostegno finanziario agli investimenti in progetti e tecnologie sostenibili. Foto: Shutterstock.com

Una delle ultime tendenze innovative all’interno della comunità imprenditoriale locale è l’implementazione di progetti “verdi”, con un’enfasi particolare sul finanziamento verde come modo per le aziende di raggiungere i loro obiettivi di sostenibilità.

Si tratta di un concetto relativamente recente che vede enti pubblici e privati aumentare il livello di afflusso finanziario dal settore bancario, incanalandolo verso le loro priorità di sviluppo sostenibile.

Mentre il termine ESG (Environment, Social, Governance) si concentra maggiormente sulle pratiche di sostenibilità aziendale e sulle strutture di governance, il finanziamento verde si occupa più direttamente di fornire sostegno finanziario agli investimenti in progetti e tecnologie sostenibili.

Tuttavia, le due cose sono direttamente collegate, in quanto gli investimenti in progetti “verdi” contribuiscono agli obiettivi finali che i principi ESG si prefiggono di raggiungere.

Sostenere i clienti nella transizione verso l’ecologia

Advertisement

Nel corso dell’ultimo anno, Bank of Valletta ha aumentato la propria attenzione all’ESG e ha assunto un ruolo di primo piano nell’aiutare il settore a portare avanti l’agenda verde. Una delle strategie adottate dalla banca a questo proposito è il riorientamento del suo bilancio verso investimenti più verdi, in particolare nei settori dei trasporti, delle energie rinnovabili e dell’economia circolare.

Grazie alla forte collaborazione con la Banca europea per gli investimenti (BEI), la banca è già stata in grado di offrire al mercato soluzioni interessanti e convenienti, soprattutto nel contesto del finanziamento dell’energia. La BOV ha migliorato il suo modello di pricing del credito introducendo nuovi incentivi volti a sostenere i clienti nella transizione verso pratiche più rispettose dell’ambiente.

Nel primo trimestre del 2024, 58 milioni di euro di prestiti verdi, pari a quasi il nove per cento del totale dei finanziamenti erogati, sono stati originati da imprese locali, rafforzando ulteriormente questa affermazione di posizionamento e confermando l’impegno della banca nei vari settori imprenditoriali locali.

In futuro, dal punto di vista dei prestiti verdi, la banca continuerà a portare avanti questa agenda, concentrandosi sugli sviluppi in diverse aree chiave. La banca sta stabilendo una definizione chiara dei prestiti verdi per fornire al mercato una comprensione precisa di ciò che costituisce un prestito verde.

In questo modo si eviterà qualsiasi percezione di greenwashing sia nel corporate banking che nei finanziamenti ai consumatori. In questo modo, la banca garantisce che i suoi sforzi contribuiscano realmente a un impatto ambientale positivo.

Inoltre, la banca sta ampliando i finanziamenti per la sostenibilità per includere iniziative aziendali di maggiori dimensioni, rivolgendosi così a un settore sostanziale dell’economia in cui l’impatto ambientale può essere significativo.

Quest’anno la banca avvierà un programma pilota per il finanziamento di mutui per case ecologiche utilizzando gli attestati di prestazione energetica (EPC). Questi standard industriali forniscono un livello di garanzia che i progetti di costruzione rispettino parametri specifici, assicurando la considerazione dell’impatto ambientale.

Advertisement

Riduzione delle emissioni di CO2

Mentre i prestiti verdi si concentrano sul finanziamento di progetti che hanno un impatto positivo sull’ambiente, la banca sta anche esplorando modi per assistere le imprese nei settori inquinanti. L’obiettivo è aiutare queste imprese a sviluppare piani credibili per la transizione verso modelli operativi più ecologici.

La banca si impegna regolarmente con le organizzazioni che producono emissioni elevate, offrendo spunti strategici su come ridurre le loro emissioni di CO2 e monitorando i loro progressi in linea con i requisiti della Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD).

L’integrazione dei criteri climatici e ambientali nel processo di sottoscrizione del credito della banca consente una valutazione completa delle grandi esposizioni, valutando i rischi climatici e ambientali da un punto di vista sia fisico che di transizione.

Guardare al futuro

Bank of Valletta ha una visione chiara quando si tratta di principi ESG. La banca si impegna a rispettare i principi ESG e li sta integrando nelle sue operazioni principali. Offrendo soluzioni di finanziamento verdi e sostenendo le aziende nei loro piani di transizione, BOV intende essere all’avanguardia e guidare l’innovazione nella riduzione dell’impronta di carbonio del Paese.

Advertisement

Mark Scicluna Bartoli è responsabile dello sviluppo dei prodotti di Bank of Valletta.

Continue Reading