Connect with us

Business

Analisi finanziaria: Hili Ventures punta a un EBITDA di 160 milioni di euro nel 2025

Published

on

Grafico: Rizzo, Farrugia & Co. (Stockbrokers) Ltd

La scorsa settimana Hili Finance Company plc ha pubblicato il Prospetto informativo relativo alla sua quarta offerta obbligazionaria sul mercato dei capitali locale. Hili Finance è un veicolo di finanziamento speciale per il Gruppo Hili Ventures e tutte le obbligazioni emesse dalla società sono garantite da Hili Ventures Limited.

A sua volta, Hili Ventures Limited è la società madre e holding del gruppo, con tre principali controllate operative che hanno tutte strumenti finanziari quotati sul mercato principale regolamentato della Borsa di Malta, ovvero 1923 Investments plc, Hili Properties plc e Premier Capital plc.

Viste le dimensioni del gruppo e l’emissione obbligazionaria totale che, in caso di successo dell’offerta nelle prossime settimane, raggiungerà poco più di 350 milioni di euro (pari al 13% dell’intero mercato delle obbligazioni societarie a Malta), vale la pena di esaminare le proiezioni finanziarie del gruppo pubblicate per i prossimi due esercizi.

In sostanza, Premier Capital (licenziataria per lo sviluppo di McDonald’s Corporation in Estonia, Grecia, Lettonia, Lituania, Malta e Romania) e 1923 Investments (impegnata principalmente nella vendita e distribuzione di prodotti elettronici al dettaglio e di consumo, soprattutto come rivenditore premium di Apple in Polonia e Ungheria) sono i due segmenti più importanti del Gruppo Hili Ventures, che rappresentano quasi il 90% dell’EBITDA totale di 125 milioni di euro nel 2023.

Senza sminuire l’importanza di altri segmenti del gruppo, come Hili Properties, con un portafoglio di immobili commerciali di oltre 220 milioni di euro in vari Paesi, l’analisi delle fortune di Premier Capital e 1923 Investments sono i motori principali della redditività futura del gruppo, data la loro dimensione complessiva all’interno del portafoglio del gruppo.

Advertisement

All’interno di Premier Capital, che rappresenta circa il 65% del fatturato totale del gruppo e il 71% dell’EBITDA nel 2023, il segmento geografico più importante è quello di McDonald’s Romania. Alla fine del 2023, Premier Capital contava 185 ristoranti e un organico complessivo di oltre 10.000 persone.

Premier Capital ritiene che vi sia un maggiore margine di sviluppo della catena McDonald’s in Romania e Grecia, a causa del tasso di penetrazione relativamente basso di ristoranti pro capite. A questo proposito, nel corso del 2024 si prevede l’aggiunta di altri 10 ristoranti al portafoglio, portando il totale a 195 ristoranti entro la fine dell’anno, la maggior parte dei quali (108) in Romania.

Il fatturato totale di Premier Capital dovrebbe aumentare del 10,7% nel 2024, raggiungendo il record di 714,6 milioni di euro, grazie alla forte crescita delle attività nella maggior parte delle regioni, in particolare in Romania (9,6% a 383,2 milioni di euro) e in Grecia (22,0% a 125,0 milioni di euro). Nel 2025, si prevede che le entrate di Premier Capital aumenteranno di un ulteriore 12,6%, raggiungendo gli 804,4 milioni di euro e continuando a rappresentare il 65% delle entrate complessive del gruppo.

L’EBITDA di Premier Capital dovrebbe aumentare del 16,4% nel 2024, raggiungendo 103,7 milioni di euro (e il margine EBITDA dovrebbe salire al 14,5% rispetto al 13,8% del 2023). Sebbene non siano disponibili informazioni sul contributo all’EBITDA di Premier Capital nel 2025, si può tranquillamente ipotizzare che anche questo continuerà ad aumentare in linea con la crescita prevista dei ricavi.

Un chiaro esempio di strategia di espansione di successo

Il contributo di 1923 Investments plc ai ricavi e alla redditività complessiva del gruppo è aumentato notevolmente negli ultimi anni, grazie al miglioramento delle prestazioni di iSpot (il più grande rivenditore di prodotti Apple in Polonia). Si prevede che questa crescita si intensificherà ulteriormente a partire dal 2024, a seguito dell’acquisizione di Cortland SP in Polonia nel corso del 2023 per 42,3 milioni di euro. Cortland era il principale concorrente di iSpot e, grazie a questa acquisizione, sono stati aggiunti altri 16 negozi di rivendita Apple al portafoglio di punti vendita, portando il totale a 44.

1923 Investments ha contribuito a circa il 30% del fatturato totale del gruppo e al 17% dell’EBITDA nel 2023. Si prevede che il fatturato complessivo di 1923 Investments aumenterà del 26,2% fino a 355,6 milioni di euro nel 2024, grazie al contributo per l’intero anno dell’acquisizione di Cortland e all’ulteriore contributo di almeno due nuove aperture di Apple Store in Polonia. Si prevede che l’EBITDA aumenterà del 15,0%, raggiungendo 25,2 milioni di euro nel 2024. Nel 2025, il fatturato di 1923 Investments dovrebbe aumentare di un più modesto 4,9%, raggiungendo i 372,9 milioni di euro e rappresentando così il 30% del fatturato complessivo del gruppo.

Advertisement

Complessivamente, il Gruppo Hili Ventures prevede un’impennata del 15% dei ricavi totali, che raggiungeranno la cifra record di 1,14 miliardi di euro nel 2024, e un ulteriore aumento del 9,6% a 1,24 miliardi di euro nel 2025. L’EBITDA è previsto a 142,6 milioni di euro (14,1%) nel 2024 e a 160,6 milioni di euro (12,6%) nel 2025.

Grazie a questa emissione obbligazionaria, il Gruppo Hili Ventures non aumenterà il proprio indebitamento complessivo. Infatti, mentre 36 milioni di euro sono destinati a rifinanziare nei prossimi mesi l’obbligazione in scadenza di 1923 Investments, il resto sarà utilizzato per ridurre il debito bancario originariamente contratto per finanziare in parte l’acquisizione di Cortland in Polonia e l’acquisto di azioni di Tigné Mall plc.

Infatti, gli obbligazionisti devono notare che, grazie alla crescita dell’EBITDA prevista nel prossimo periodo, si prevede che la copertura degli interessi migliorerà a 4,7 volte nel 2024 e a 5,5 volte nel 2025.

Un aspetto interessante da sottolineare è che Hili Properties prevede di dismettere immobili per un valore di poco superiore ai 60 milioni di euro entro la fine del 2025. All’inizio di quest’anno, la società aveva già confermato di aver venduto un complesso commerciale in Lettonia per 7 milioni di euro. Attualmente si prevede che la società utilizzerà parte di questi proventi per rimborsare il prestito obbligazionario di 37 milioni di euro in scadenza nell’ottobre 2025.

Questa è una delle ragioni alla base del previsto calo dei prestiti del Gruppo Hili Ventures. Un parametro importante per l’indebitamento di un emittente di obbligazioni di questa natura è il multiplo debito netto/EBITDA, che si prevede migliorerà a 4,1 volte nel 2024 e a 3,3 volte nel 2025.

Negli ultimi anni Hili Ventures ha registrato una straordinaria crescita dei risultati finanziari, soprattutto grazie all’acquisizione di McDonald’s Romania nel 2016. Infatti, tra le società quotate o strettamente collegate al mercato dei capitali locale, Hili Ventures è la terza società più redditizia dopo Bank of Valletta plc e HSBC Bank Malta plc. Pochi osservatori potrebbero rendersi conto che l’EBITDA generato da Hili Ventures nel 2023, pari a 125 milioni di euro, supera quello dell’Aeroporto Internazionale di Malta plc e di GO plc.

Mentre in passato alcune aziende locali hanno avuto difficoltà a espandere i propri interessi commerciali al di fuori delle isole maltesi, Hili Ventures è un chiaro caso di studio di una strategia di espansione di successo.

Advertisement

Sebbene si tratti di un’azienda maltese, le entrate e la redditività del gruppo sono generate principalmente a livello internazionale, offrendo così agli investitori locali una possibilità di diversificare l’esposizione del Paese al di fuori dell’economia maltese.

Continue Reading